Mitologia Cinese: Pangu e la nascita del mondo

Pangu

Secondo la cosmogonia cinese all’origine dei tempi non esisteva nulla all’interno dell'universo tranne il caos assoluto.

Una tra le moltissime leggende che riguardano la creazione del nostro universo è quella che la mitologia cinese attribuisce a Pangu (槃 古), il primo essere vivente ed il creatore di tutte le cose a cui si deve la separazione tra il cielo e la terra.

Questa leggenda è apparsa per la prima volta in un libro intitolato "La storia dei tre (Augusti) e dei cinque (Imperatori)" scritto da Xu Zheng (徐 整) durante il periodo dei Tre Regni

Secondo la leggenda, in origine, l'Universo in cui nacque Pangu era nel caos ed era simile ad un uovo di gallina, in cui il Cielo e la Terra erano separati.

La chiara energia cosmica Yang continuava a salire verso il Cielo per diventare il paradiso e la torbida energia Yin continuava ad affondare nella Terra.

Pangu crebbe in questo grande uovo, trasformandosi nove volte al giorno, giorno dopo giorno per i successivi diciottomila anni. Ogni volta che lui cresceva di uno Zhang (circa 2,4 m), anche il Cielo saliva di uno Zhang e la Terra si inspessiva di uno Zhang.

Al termine dei diciottomila anni il Cielo smise di salire e la Terra smise di affondare. Il Cielo era altissimo e la Terra era profondissima. Pangu era diventato un gigante.

Il processo di creazione del Cielo e della Terra era terminato ed era stato creato l’Universo che conosciamo.

Pangu1

Alla sua morte, Pangu si trasformò in quello che noi conosciamo come il nostro mondo, dal suo respiro nacquero il vento e le nuvole, dalla sua voce il tuono, dal suo occhio sinistro il sole, dall'occhio destro la luna, le sue membra e la sua testa furono trasformate in quattro poli e cinque montagne sulla terra, il suo sangue si trasformò in fiumi e torrenti, le sue vene diventarono i rilievi, i suoi muscoli divennero campi, i suoi capelli e la sua barba divennero stelle nel cielo, la sua pelle e i suoi peli divennero erbe e boschi, i suoi denti e le sue ossa divennero minerali e rocce, la sua quintessenza e il midollo osseo divennero gioielli e pietre preziose, il suo sudore divenne pioggia e le pulci sul suo corpo divennero esseri umani.

Questo è l'inizio della storia dell’uomo secondo la mitologia cinese.

CURIOSITA': Pangu spesso viene raffigurato come un essere gigantesco e primitivo, villoso e dotato di grandi corna e vestito di pelli, una rappresentazione molto simile a quella del dio greco Pan, il cui nome ricorda in modo davvero sorprendente quello di Pangu e che non a caso era per gli antichi greci una divinità legata alle selve ed alla natura.

Pan

Visite: 327